Condividi
Andare in basso
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Amiron Home

il 5/6/2018, 16:38
Ho volutamente tralasciato la marca nel titolo, con l'intenzione di solleticare la curiosità di chi passa da queste parti. Di questa cuffia infatti non se ne parla affatto, in nessun forum italiano. Neanche una parola, niente. Ma può darsi che abbia cercato male e che, negli anfratti di qualche discussione sperduta, si trovi menzionata o magari solo linkata. Chissà.

E non è che si tratti di una economica da supermercato. Parliamo di una cuffia da cinquecento euro, una cifra che dovrebbe incutere un certo rispetto. Oddio, è pur vero che ultimamente le centinaia di euro sono considerate pochi spiccioli per una cuffia degna di attenzione, e se questa non costa almeno migliaia di euro non viene nemmeno considerata. Sarà questo il motivo?

Intanto ho messo il titolo. Qualcuno l'ha già ascoltata? Io lo farò domani. Che poi, per chi legge, potrebbe essere oggi, oppure ieri. Che giorno è "domani"?

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


Ultima modifica di bandAlex il 6/6/2018, 16:52, modificato 1 volta
avatar
torna
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi : 247
Data d'iscrizione : 15.10.11
Località : Milano

Re: Amiron Home

il 5/6/2018, 17:15
Io l'ho ascoltata, ma non dico niente... fisch
Nella stessa giornata ho potuto ascoltare anche le "nuove" della serie DT PRO, 1770 e 1990.
Sicuramente sarà interessante leggere le tue impressioni, visto il confronto con la recente DT 880 pro BE.

Questa, come altre dinamiche, ormai sono nell'ombra totale!

--


Andrea

Di seconda mano o fai da te, tutto il resto è barare!
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 5/6/2018, 17:35
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Io l'ho ascoltata, ma non dico niente... fisch

Sarà interessante confrontarsi!

Nella stessa giornata ho potuto ascoltare anche le "nuove" della serie DT PRO, 1770 e 1990.

Molto, molto attratto dal provare una DT1990 PRO.

Questa, come altre dinamiche, ormai sono nell'ombra totale!

Per me la 880 Black è stata una sorpresa, un imprevisto. Grazie a lei si è scatenato in me il desiderio di provare ad andare più in alto con Beyerdynamic.

Vedremo se questo imprevisto si rivelerà positivo, o se mi toccherà andare in prigione senza passare dal Via!

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
dankan73
pesca
pesca
Messaggi : 570
Data d'iscrizione : 20.10.11

Re: Amiron Home

il 5/6/2018, 18:19
Bella e speriamo che balla anche grande sorriso
avatar
fstiffo
nespola
nespola
Messaggi : 345
Data d'iscrizione : 02.05.14
Località : Venezia

Re: Amiron Home

il 6/6/2018, 11:55
Il refuso nel titolo del thread immagino sia voluto   laugh
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 6/6/2018, 12:06
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Il refuso nel titolo del thread immagino sia voluto   laugh

fisch
avatar
ivanouk
nespola
nespola
Messaggi : 210
Data d'iscrizione : 12.10.15

Re: Amiron Home

il 6/6/2018, 12:17
Interessante. Ho letto diverse rece di questa cuffia ...e non dico niente  fisch

Chi dice che le dinamiche non vanno di moda? Io ho venduto tutte le planar e sto' sulla porta ad aspettare la 58X  smokeing
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 6/6/2018, 14:04
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Primo contatto... attaccata direttamente al notebook qui in ufficio.

wub
avatar
torna
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi : 247
Data d'iscrizione : 15.10.11
Località : Milano

Re: Amiron Home

il 7/6/2018, 10:57
Com'è andata la notte con la cuffia in testa?? busted

--


Andrea

Di seconda mano o fai da te, tutto il resto è barare!
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 7/6/2018, 11:43
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Com'è andata la notte con la cuffia in testa?? busted

E' emozionante scoprire il nuovo tuning delle cuffie Beyerdynamic. band

Non c'è alcuna relazione tra queste nuove cuffie e quelle di una volta. Già la DT880 Black mi aveva fatto intuire qualcosa. Ora ho la conferma.

In poche parole: pensate ad una HD650 con gli estremi banda più estesi, un headstage superiore, e una risoluzione infinitamente più alta.

Ma sarò più preciso dopo che i driver si saranno assestati un pochino, anche se già out of the box è molto interessante.

avatar
Pgragnani2
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 1232
Data d'iscrizione : 30.08.13
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 7/6/2018, 15:59
Attendo con interesse il confronto con la dt 1990
avatar
torna
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi : 247
Data d'iscrizione : 15.10.11
Località : Milano

Re: Amiron Home

il 7/6/2018, 16:04
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Attendo con interesse il confronto con la dt 1990
Poi deve comprare anche quella... bleh

--


Andrea

Di seconda mano o fai da te, tutto il resto è barare!
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 7/6/2018, 16:15
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Attendo con interesse il confronto con la dt 1990
Poi deve comprare anche quella... bleh

Ehm... fisch
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 7/6/2018, 23:02
AMIRON
Means "my nation is a song" or "my people sings" in Hebrew, derived from Hebrew עַם (am) "nation, people" combined with Hebrew רֹן (ron) "singing, song" as well as "joyful sounds, shout of joy".

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

avatar
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1096
Data d'iscrizione : 28.08.13

Re: Amiron Home

il 8/6/2018, 07:17
Interessante, non l'avevo nemmeno mai vista prima...

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Ti ci ritrovi, Boss?
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 8/6/2018, 09:55
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Interessante, non l'avevo nemmeno mai vista prima...

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Ti ci ritrovi, Boss?

Direi che mi ci ritrovo in parte. Avendo posseduto la T1 a suo tempo, ricordo una cuffia più equilibrata e composta di quanto traspare dalla recensione linkata. A memoria, ho la sensazione che le differenze tra Amiron e T1 siano ben maggiori. E non è da intendersi come un lato negativo della Amiron, anzi. Per quella che è stata la mia esperienza, che mi spinse a rivendere la T1, la DT880 PRO le era terribilmente simile, cosa che non posso dire oggi della stessa cuffia a confronto con la Amiron, nonostante la DT880 black di oggi sia senz'altro più scura di quella di un tempo.
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 8/6/2018, 10:39
Il nome completo sarebbe Amiron (nome proprio maschile), a cui beyerdynamic fa seguire il termine Home, come a voler distinguere la collocazione di questa cuffia al di fuori dell'ambito professionale. Beyerdynamic ha fatto bene a chiarire le cose.

Innanzitutto va detto che la Amiron Home, che da questo momento chiameremo Amiron ebbasta, dovrebbe sostituire la T90. Il trasduttore utilizzato è sempre di classe Tesla, ma di seconda generazione. Beyerdynamic non si è limitata a migliorare il driver dal punto di vista tecnico, ma questa volta lo ha appositamente tarato per un ascolto più rilassato e piacevole. Il risultato sembra essere molto diverso da quello ottenuto con la T1.2, ad esempio, che non ha convinto appieno alcuni appassionati.

Lo stesso trasduttore di seconda generazione Tesla è utilizzato anche nella DT1770 e nella DT1990, entrambe categorizzate come "PRO", e quindi con un tuning diverso rispetto a quello della Amiron.

Beyerdynamic afferma che il trasduttore della Amiron è stato modificato appositamente per questo modello.

The acclaimed Tesla system has now been further refined for use in Amiron home. Modifications to the transducer have diminished unwanted vibrations to an absolute minimum and completely eliminated annoying treble resonances. More precise than ever, the sound tuning of these over-ear headphones will amaze even the most discerning music enthusiasts.

Non c'è dubbio che la Amiron è da considerarsi un precedente ormai, anche per ciò che riguarda il nome, visto che fino a poco tempo fa beyerdynamic ha usato solo sigle e numeri per i propri modelli. Questa cuffia rappresenta evidentemente un'eccezione nel panorama della produzione del costruttore, e questa cosa è ben in evidenza nel sito.

Andando al sodo, dico subito che la Amiron mi piace parecchio. Non è una cuffia neutrale, il suo bilanciamento tonale non è da linea retta, e non è la cuffia perfetta per tutte le occasioni. Del resto, non esiste una cuffia che non abbia difetti o controindicazioni. Ma in questo caso i difetti sono ripagati molto bene.

La Amiron è il lasciarsi andare alla piacevolezza dei sensi senza preoccuparsi troppo dei dettagli tecnici. Si accende l'impianto e ci si mette ad ascoltare, possibilmente sdraiati su un sofà, come fa il tipo ritratto sulla scatola. E' chiaro quindi che l'obiettivo di questo modello non è l'ascolto analitico, quanto piuttosto la gradevolezza dell'ascolto fine a se stesso, "come se la tua stanza si trasformasse in una sala da concerto".

Anche se apparentemente può sembrare un compito facile, il raggiungimento di un tale obiettivo non è alla portata di tutti. Ad esempio, ci sono già altre cuffie che hanno intrapreso la strada della "eufonicità", che strizzano l'occhio all'ascoltatore con bassi pompati e altri effetti speciali. La Meze 99 Classic, ad esempio, che cito solo per chiarire il concetto, è una di quelle cuffie non neutrali che però fallisce nel tentativo di rendersi gradevole (almeno non con tutti i generi) e ricade nella categoria, molto più affollata, delle cuffie mid-fi senza infamia e senza lode. Andando più in alto, si incontrano varie altre cuffie, sempre più costose, che si pongono lo stesso traguardo, ma gli esiti sono stati quasi sempre discutibili, al limite dell'accettabile, oppure del tutto anonimi. Solo poche cuffie sono rimaste nel cuore degli appassionati, e hanno lasciato un segno. Questa Amiron, secondo me, ha tutte le carte in regola per non farsi dimenticare facilmente.

Nel prossimo post, dettagli ulteriori su come suona e qualche confronto con HD650, DT880 PRO, HE-6 e DT1990 PRO.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 8/6/2018, 23:51
Tutti i test di ascolto si sono svolti con il seguente armamentario hardware:
- sorgente: HDAC (multibit TDA1541 NOS) in USB (XMOS/WASAPI) con notebook + XMPLAY
- ampli: AF-N (classe A single ended)

- dodocool DA-106

L'AF-N è un ampli neutrale, con un'ampia banda passante, generoso nel basso e medio-basso, con una gamma alta estremamente pulita ed estesa. Questo tanto per dare un riferimento a chi legge. L'HDAC è estremamente neutrale, ma pure lui, al confronto con altri dac (soprattutto con i sigma-delta), ha una gamma bassa decisamente generosa e veloce. Di questo se ne deve tenere conto nel valutare la resa della cuffia in gamma medio-bassa.

La cuffia ha mostrato un deciso miglioramento durante le prime ore di ascolto. Appena tirata fuori dalla scatola si avvertiva una certa mancanza di definizione sulle alte, e un basso un po' monocorde, difetti che poi a poco a poco sono scomparsi. Ora la cuffia ha circa una ventina di ore, e quindi è probabile che possa migliorare ulteriormente.

EQUILIBRIO TONALE
La Amiron è una cuffia timbricamente corretta, anche se il suo equilibrio tonale non è affatto neutro. Predomina su tutto una certa esaltazione della gamma che va tra i 100 e i 500 Hz, che da corpo alla riproduzione e la rende molto "live" e coinvolgente. Segue una gamma media molto lineare, con un leggero affossamento tra 1 e 2 KHz, e poi una gamma acuta abbastanza estesa, senza picchi evidenti. In particolare, è scomparsa del tutto la famigerata risonanza intorno agli 8 KHz che caratterizza quasi tutte le beyerdynamic, soprattutto le PRO, ma anche le T1. Quindi si può dire che la Amiron è una cuffia con un equilibrio tendente al caldo, ma solo per via di un medio-basso evidente, e non perchè manchino informazioni in gamma alta. Ciò la rende ancora una cuffia attendibile, seppure con qualche concessione alla piacevolezza di ascolto.

C'è da tenere presente che una cuffia può avere un'equilibrio tonale non neutro, ma essere timbricamente corretta, come è il caso della Amiron, oppure essere tonalmente equilibratissima ma avere risonanze, buchi e quant'altro nella risposta in frequenza che la rendono del tutto inattendibile.

GAMMA BASSA
Il basso della Amiron è molto dinamico, completo e presente, coadiuvato da un medio-basso molto in evidenza, e tuttavia (o forse proprio per questo) non è pompato e non oscura la gamma media. Il punch non è il punto forte di questa cuffia, anche se è comunque presente. Chi ascolta in prevalenza musica elettronica, rap, hip hop, forse deve valutare un'altra cuffia.

GAMMA MEDIA
La riproduzione delle voci femminili è molto appagante e realistica, per via del medio-basso ben presente. Grazie all'effetto olografico di questa cuffia, la gamma media riesce ad essere molto presente e coinvolgente, ma non aggressiva. Di questo si avvantaggiano le voci sia maschili che femminili. L'unico appunto riguarda un certo arretramento del medio e medio-alto, che con alcuni brani, quelli molto scuri, può rendere la riproduzione un po' troppo cupa.

GAMMA ALTA
Per chi acquista una beyerdynamic il terrore delle sibilanti è cosa nota. Ma questa volta la gamma alta non ha difetti di rilievo. Sibilanti zero, buona estensione, nessuna asprezza o affaticamento.

Il brano che uso di solito per testare la gamma acuta di qualunque cosa emetta suoni, è questo qui:



Se la cuffia non sibila con questo, non sibilerà mai.

HEADSTAGE
Profondo e ampio. Precisa la localizzazione degli strumenti e la focalizzazione. Non è olografico come quello di una HE1000, ma poco ci manca. Nei passaggi più complessi la cuffia se la cava bene, senza impastare o perdere il controllo. Per via dell'equilibrio timbrico e della scena ricreata, si ha la sensazione di stare davanti a una coppia di diffusori.

COMFORT
E' una delle cuffie più comode che abbia mai indossato. I pads in micro fibra (alcantara) sono morbidi e non fanno sudare, anche dopo ore di ascolto. La pressione di appoggio è bassa, la cuffia è molto leggera e dopo un po' ci si dimentica di averla sulla testa.

GENERI PIU' INDICATI
Jazz, blues, piccoli gruppi acustici, musica classica. E' una cuffia "notturna", nel senso che è più adatta ad ascolti a volume moderato, un contesto dove si apprezzano di più le doti dinamiche del trasduttore. La sconsiglio a chi ascolta a livelli molto elevati, non tanto perchè può risultare affaticante, quanto piuttosto perchè la gamma medio-bassa può diventare invadente, e il punch non essendo dei migliori non contribuisce ad un ascolto ad alto volume di generi come rock, rap e hip hop.

In generale, la cuffia è contraddistinta da un'indole soft, morbida, armonica e musicale. Ovvero, tutto il contrario della classica beyerdynamic a cui siamo abituati.

Nel prossimo post, farò qualche confronto con le altre cuffie.
avatar
password
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 1284
Data d'iscrizione : 03.12.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 9/6/2018, 08:50
Interessante disamina, ho l'impressione che somigli alla DT 990 pro senza quella punta sulle 8/9kh.
Aspetto i confronti. popcorn
avatar
dankan73
pesca
pesca
Messaggi : 570
Data d'iscrizione : 20.10.11

Re: Amiron Home

il 9/6/2018, 10:36
Io direi che non somiglia alla 990pro perché a parte la differenza della resa in alto la 990 non é soft e ha un gran punch, sembra propio come dicevamo con Alex che alla beyer ci sia stato un cambio di rotta deciso.
avatar
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1096
Data d'iscrizione : 28.08.13

Re: Amiron Home

il 9/6/2018, 11:08
Sembra molto intrigante... Attendo con interesse, Boss!
avatar
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1096
Data d'iscrizione : 28.08.13

Re: Amiron Home

il 9/6/2018, 11:09
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:sembra propio come dicevamo con Alex che alla beyer ci sia stato un cambio di rotta deciso.
Forse i vecchi progettisti erano un po' sordi........... grande sorriso grande sorriso grande sorriso
avatar
dankan73
pesca
pesca
Messaggi : 570
Data d'iscrizione : 20.10.11

Re: Amiron Home

il 9/6/2018, 11:16
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:sembra propio come dicevamo con Alex che alla beyer ci sia stato un cambio di rotta deciso.
Forse i vecchi progettisti erano un po' sordi........... grande sorriso grande sorriso grande sorriso
Io direi che invece si sono adeguati alla larga diffusione che le cuffie stanno avendo oggi!  grande sorriso
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 9/6/2018, 18:46
A CONFRONTO CON...

HD650
Per chi possiede già una HD650, la Amiron è l'upgrade ideale: si acquista una bella dose di sub-bassi che alla HD650 mancano, si acquista in punch, si acquista una gamma alta più estesa e presente, si acquista in headstage e, dulcis in fundo, in comfort. La sensibilità è più o meno la stessa, ma di questo ne parlerò quando vedremo come va la Amiron attaccata al dodocool.

Ma come mai la Amiron è l'ideale per chi ha già una HD650 e vuole salire in alto? Perchè il bilanciamento tonale della Amiron è simile a quello della HD650, ma con tutto quello che manca alla HD650 per renderla una cuffia completa. Un confronto interessante sarebbe quello con la HD660S, l'evoluzione della HD650, che Sennheiser ha proposto all'inizio di quest'anno.

DT880 PRO BLACK EDITION
La DT880 PRO è sempre stata una cuffia dal bilanciamento tonale quasi perfetto, e questa BLACK EDITION non tradisce la sua vocazione da cuffia monitor professionale. Però, a differenza delle precedenti versioni della DT880 PRO, ha perso l'eccessiva brillantezza in gamma alta, e quindi ora è una cuffia migliore. Ricordate quindi che ogni volta che scrivo DT880 PRO mi riferisco sempre alla BLACK EDITION, e non alla versione più comune di questa cuffia. Rispetto alla Amiron perde quella "magia" in gamma media e medio-bassa (ed è giusto che sia così) ma in compenso mostra più punch e un basso degno di una ortodinamica di quelle buone. E' incredibile il basso di questa cuffia, davvero: frenato, profondo, veloce e senza code. La gamma medio-alta della Amiron però è più completa, più realistica. I piatti e le percussioni della DT880 sono un po' caratterizzati e frizzanti, ma nulla che possa creare affaticamento. Un'altro punto in cui la Amiron è superiore è l'headstage e la precisa ricostruzione della scena. La sensibilità è molto inferiore rispetto alla Amiron, ma che la DT880 non fosse una cuffia da portatile già si sapeva.

Mi sembra evidente che la Amiron sia una cuffia superiore alla DT880 PRO, e ci mancherebbe altro, visto il costo ben più alto. Ma questo non dice tutto, perchè il fatto davvero notevole è che la DT880 PRO, che ora è venduta a 185 Euro, è una cuffia a cui non manca assolutamente nulla e che se la batte con cuffie di alto lignaggio, senza sfigurare. Questa BLACK EDITION è stata davvero una rivelazione, e mi sentirei di proporla come degna compagna della Amiron, quando serva una maggiore neutralità e più punch.

DT1990 PRO
Questa cuffia non ha nulla a che vedere con la DT990 PRO ma anzi, per certi versi mi ricorda la vecchia DT880 PRO. Il livello costruttivo e la qualità dei materiali sono al top. Esteticamente mi piace un sacco, anche di più della Amiron. Viene fornita con due coppie di pads, entrambe di velluto: una coppia cosiddetta "analyticals", ed una coppia (quella già montata sulla cuffia) che offre un leggero bass boost (balanced), e quindi meno neutrale. Ho provato a sostituire i pads, ma sono tornato velocemente alla configurazione originale, visto che di alti ce ne sono pure troppi anche con i pads di tipo B, cioè quelli "relax".

La DT1990 PRO ha un bilanciamento neutrale, leggermente "v shaped", un buon basso (ma non bello come quello della DT880 PRO BLACK!), e una bella gamma media. Rispetto alla Amiron, il medio-basso è molto meno pronunciato e la gamma media è più indietro, ma non quella medio-alta. Ciò conferisce alla cuffia una maggior apertura, una maggiore chiarezza e un grande dettaglio. Nonostante usino un trasduttore della stessa famiglia, la Amiron e la DT1990 PRO sono due cuffie completamente diverse. E purtroppo la DT1990 PRO mostra ancora una gamma acuta afflitta da una evidente colorazione, che la rende affaticante con alcuni generi. E' davvero un peccato, perchè altrimenti questa DT1990 PRO, nella sua categoria di prezzo (circa 500 euro), sarebbe stata una cuffia molto difficile da superare. C'è da tenere conto del fatto che ha poche ore al suo attivo, ed è possibile che migliori nelle prossime ore. Vi terrò aggiornati.

HE-6
Paragonare la HE-6 alla Amiron è stato un azzardo, ma prima o poi doveva succedere. Io già sapevo come sarebbe andata a finire. Una cuffia pesante, con i pads duri come sassi, bruttina, difficile da pilotare, scomoda, paragonata a quella farfalla bella e intrigante che è la Amiron. Roba da pazzi.

La HE-6 ha ancora un suo perchè, senza dubbio. Ma con il tempo sta invecchiando. E accanto alla Amiron, dimostra tutti i suoi anni. E i suoi difetti. Eppure sono due cuffie con molti punti in comune: gamma media bellissima, gamma alta lineare (anche se quella della Amiron sembra più estesa), un buon basso. La differenza sostanziale è nell'equilibrio tonale, molto più godibile quello della Amiron, più aperto e asciutto quello quello della HE-6. Ascoltando il Concerto n.1 di Liszt, con la Amiron si possono apprezzare tutte le armoniche del pianoforte, e la pienezza dell'orchestra. Con la HE-6 si perde gran parte dell'emozionalità dell'esecuzione. Essa è corretta timbricamente, ed è certamente una buona riproduzione, ma non è viva come è la stessa esecuzione con la Amiron.

Non pensavo andasse così male per la HE-6, ma è così che va nella vita. Le cose cambiano, noi cambiamo, e tutto viene visto da prospettive - e aspettative - ogni volta diverse.

Nel prossimo post vedremo che succede se attacchiamo il jack al dodocool. Intanto, buona serata a tutti.
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Amiron Home

il 10/6/2018, 15:58
CON IL DODOCOOL DA106...

Ho aggiornato il firmware del lettore all'ultima versione presente sul sito. Devo dire che le cose sono cambiate rispetto a quando ho sentito il dodocool per la prima volta.

La Amiron sembra fatta apposta per il DA106. Per un ascolto ad un livello sonoro medio-alto è sufficiente portare il volume a 85/100. Con questa accoppiata lettore-cuffia c'è tutto: estensione, headstage, punch, correttezza timbrica. L'equalizzatore è disattivato perchè non sento la necessità di alcuna correzione. Forse, e ripeto forse, una tacca in meno a 300 Hz, ma un po' si perde la pienezza che caratterizza questa cuffia. Il dodocool è leggermente più asciutto della postazione desktop, e in certi casi con questa cuffia è pure un bene. Davvero notevole il livello di dettaglio e l'assoluta mancanza di artefatti di qualunque tipo. Solo nei passaggi più forti e carichi di strumenti si avverte una certa perdita di definizione, ma è cosa assolutamente normale, considerando anche il prezzo del lettore. La grande pienezza di questa cuffia nel medio e medio-basso e la sua spettacolare ricostruzione del palcoscenico fanno sembrare il dodocool molto più "grande" di quello che è. Un'accoppiata vincente.

Naturalmente la DT880 PRO BLACK parte svantaggiata per via della sua sensibilità inferiore. Per un livello di ascolto medio-alto bisogna arrivare a 95/100. C'è da dire che non si notano distorsioni particolari, e nemmeno compressioni evidenti. Il basso della DT880 è perfetto, il punch c'è tutto anche a volume massimo. Anche con la DT880 PRO BLACK si può godere di un ascolto decisamente di alta classe per un portatile.

Rispetto alla Amiron si perde la particolare apertura del medio e dell'headstage, però qualcuno potrebbe preferire questa cuffia con i generi come rock e metal.

A questo punto credo che il dodocool abbia superato ampiamente il test di ascolto. Se si considera quanto l'ho pagato, si tratta di un vero piccolo miracolo (ammazzagiganti?) nel panorama dei lettori portatili.
Contenuto sponsorizzato

Re: Amiron Home

Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum