Andare in basso
UF6
mela
mela
Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 26.03.15

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 15/2/2020, 17:26
Da trevanian54  Tornando in tema, con il seguente accorgimento il Rega P3 "suona meglio":
"Consiglio di dare metà peso lettura tramite contrappeso e metà tramite molla. Esempio: peso lettura 2 gr. : con la molla si imposta a 1 gr. Spostando il contrappeso si arriva poi ad avere i 2 grammi richiesti.

Non è tutta farina del suo sacco............ grande sorriso


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
2slow4u
2slow4u
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 202
Data d'iscrizione : 25.07.14
https://www.youtube.com/user/magrosi65, https://www.youtube.com/

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 15/2/2020, 17:59
Sono decenni che si discute su sta storia.
Ricordo che sin dai primi tempi in cui venne commercializzato il vecchio RB300, circolavano voci simili.
Si tendeva a non usare la molla ma solo il contrappeso, allora lo si faceva per ridurre le possibilita' che la molla potesse risuonare.
Sti poveri bracci Rega non troveranno mai pace...
Dirty Harry
Dirty Harry
Fragola
Fragola
Messaggi : 1127
Data d'iscrizione : 16.06.11

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 15/2/2020, 19:19
@scarecrow ha scritto:Vero è che la Spirit appartiene e rappresenta alla perfezione le "perle audiofile"... Però forse volevi postare in altra sezione :)
laugh

--


"Un uomo dovrebbe conoscere i propri limiti..."
bandAlex
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 6497
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 00:39
@UpTo11 ha scritto:audiòfilo s.m. (f. non esiste) [comp. di audio- e -filo]. - Appassionato di sfumature.

Verissimo. grande sorriso

Però la definizione è incompleta. Quella esatta è: appassionato di sfumature con impianto rivelatore.



Biscottino
Biscottino
pesca
pesca
Messaggi : 888
Data d'iscrizione : 01.09.13
Località : Gragnano

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 07:57
@bandAlex ha scritto:Guardatevi 'sta perla...



...se ce la fate, si intende.  grande sorriso

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Una vera perla, sbav sbav!
Insomma, dobbiamo ringraziare il sig Bocci se sulle prossime cuffie ci sarà il cavo pitonato invece di quello custom di Portento, anche perché una cuffia così non può avere un cavo troppo sottile, bisogna soddisfare l’occhio oltre che l’orecchio , anche sacrificando il comfort!
Grande la battuta sul fatto che al costo di 1 cuffia ne hai 2, merito dei 2 db recuperabili in gamma bassa con la rotazione del feltrino...ma i 2db a che frequenza vengono recuperati, viene detto?
2slow4u
2slow4u
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 202
Data d'iscrizione : 25.07.14
https://www.youtube.com/user/magrosi65, https://www.youtube.com/

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 09:07
@bandAlex ha scritto:Guardatevi 'sta perla...


...se ce la fate, si intende.  grande sorriso


Titolo clickbait, Bocci e Spirit...e' troppo anche per me!
bandAlex
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 6497
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 13:32
@2slow4u ha scritto:Da allora ascolto solo con cuffie "mid-fi", e quando voglio esagerare, con le mie vecchie (tranne una) elettrostatiche. Circa le "normali dinamiche", ritengo che non abbiano particolari limitazioni, relativamente alle tecnologie "esotiche". Secondo me, una buona dinamica puo' esprimersi piu' che bene, e spesso in modo piu' "onesto".

E' esattamente quello che penso anche io. Dopo aver corso dietro alla cuffia ideale, con non poca riluttanza ho dovuto ammettere che nessuna cuffia, di quelle passatemi tra le mani (e a prescindere dal costo) poteva considerarsi la cuffia perfetta. Perfetta per me, intendo. Di solito, ad un aumento del costo non corrisponde un analogo aumento delle prestazioni, intese come capacità di rendere l'ascolto più godibile. Oggi qualsiasi dinamica di livello medio è in grado di farti sentire tutto lo spettro sonoro (e anche oltre) con grande dettaglio e coerenza timbrica. Di solito, quelle prodotte dai marchi storici sono quelle più attendibili, più razionali, più economiche, e più affidabili. A questo si può aggiungere anche un valore determinato da aspetti che i produttori più giovani prendono a schiaffi, come ad esempio l'ergonomia e la comodità. L'esempio di una cuffia ideale che racchiude tutta la razionalità di un prodotto che si è evoluto nel tempo, migliorando negli anni, è secondo me la DT880 PRO. Non solo questa cuffia ha subìto una evoluzione silente, evoluzione che si è tradotta in prestazioni migliori, ma è costantemente scesa di prezzo, fino ad arrivare al punto di non essere più nemmeno considerata una cuffia hi-end, ma solo una entry-level, quasi una scelta di second'ordine. Il che è una bella contraddizione, perchè questa cuffia racchiude in se' tutte le qualità che cerchiamo nelle cuffie più costose, qualità che spesso latitano proprio in quei modelli dal costo triplo o quadruplo e che sono considerati più pregiati. Non è per nulla una cuffia mid-fi.

Queste qualità si possono riassumere brevemente in: estensione in frequenza, fedeltà timbrica, capacità dinamica, comodità, robustezza. La DT880 PRO ce le ha tutte. Con una cuffia così, non si dovrebbe sentire l'esigenza di avere qualcosa di meglio. Tra l'altro, pur non essendo una cuffia chiusa, isola meglio dai rumori ambientali (e disturba meno i vicini di sofà) di una cuffia aperta come lo sono il 90% delle cuffie in commercio.

La parte irrazionale ed emotiva di noi ci fa abbandonare oggetti che sono quasi perfetti, grazie al frutto dei migliori anni in cui i reparti di progettazione dei grandi marchi hanno potuto investire e con il tempo migliorare le prestazioni con modifiche non visibili. E invece ci siamo concentrati su aspetti futili ma visibilissimi, appannaggio di altri produttori più aggressivi e furbi, come ad esempio i legni, le pelli, i cavi, i metalli aerospaziali, e via dicendo. Credo che l'esempio più triste di questa deriva sia quello di Spirit.

(ora arriva Edmond e mi cazzia).  grande sorriso

Sulla mia isola deserta porterei la DT880 PRO.

Le altre, per quanto considerate più pregiate, hanno i loro difetti che le rendono meno affidabili o attendibili. Ad esempio, per restare in casa beyerdynamic, quella meraviglia della Amiron, più costosa e raffinata, è comunque meno universale di una DT880 PRO. Timbricamente è meno fedele, ma lo sgarro alla fedeltà è ripagato in altri modi.

L'eccitazione per un nuovo progetto e' una cosa che mi manca molto, ma al contempo manca anche la volonta' razionale di riattivarmi. E qui credo non sia immediato farsi capire... Ma sotto questo aspetto, ti vedo viaggiare su altri livelli, ti vedo infatti sempre bello vispo! special cool

Ti capisco perfettamente. Ultimamente vado a rilento pure io, ho in cantiere almeno tre progetti che vorrei iniziare subito, ma partire e organizzare le cose non è facile. Un po' il tempo che diventa più rarefatto da dedicare al banco di lavoro, un po' la pigrizia che mi fa perdere tempo nella contemplazione dei componenti che ho sparsi per casa, e di quello che ho già fatto. C'è un aspetto stregonesco in alcuni oggetti, la loro particolare attrazione e nel contempo il blocco che impedisce di utilizzarli. Da qualche giorno ho le 6N6P, ogni tanto le tiro fuori dal cartoncino e me le guardo... Tengo in mano dei manufatti di quaranta, cinquant'anni fa... perfettamente conservati, sembrano appena usciti dalla fabbrica.

Il piacere è anche quello, si tratta solo di procedere oltre...  wub
Edmond
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1368
Data d'iscrizione : 28.08.13

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 14:09
Caro Boss, visto che mi hai evocato, eccomi qui!!!  grande sorriso
Personalmente ritengo che ciascuno si faccia le sue pippe e decida di fare quel piffero che preferisce. U
In fondo è un gioco e ognuno fa quel cacchio che vuole. Quello che non sopporto è che, a causa di cazzate, presunte o meno, si perda di vista l'unica cosa che conta, ovvero il suono delle cuffie. Per citare te, la Spirtit è l'esempio più lampante ma non certamente l'unico. Il suono di queste cuffie è di alto livello, se ben amplificate, ma siccome il costo, sostenuto da concetti tecnici farlocchi, sono una puttanata anche sonica... e questo è privo di senso. Ovviamente per come sono prezzate  sono un acquisto non appetibile, ma da qui a dire che suonano male è come dire che l'AF-n fa schifo perché tu non sei nessuno...

Detto questo, ognuno fa quello che crede,  come è giusto che sia...

Nulla di personale, ovviamente!
bandAlex
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 6497
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 14:29
@Edmond ha scritto:Caro Boss, visto che mi hai evocato, eccomi qui!!!  grande sorriso

Ah ah ah! grande sorriso

Lo sapevo che saresti intervenuto... Allora, lo ammetto: io non ho mai avuto una Spirit. Anzi, nemmeno una Grado. Per quanti modelli abbia avuto la possibilità di ascoltare, in alcuni momenti fuggenti, a casa di altri o da altre parti, non sono mai riuscito ad apprezzarne le qualità. E' sicuramente un mio problema, forse c'è di mezzo una incompatibilità fisiologica, e questo mi dispiace, perchè mi preclude una bella fetta della produzione storica di questi ultimi anni. Ora, per le Spirit il discorso è un po' diverso perchè l'unico contatto lo ho avuto ad una fiera, e in base all'ampli/astronave a cui erano collegate le cuffie il suono sarebbe dovuto essere stellare, e invece no. Non faccio fatica a ipotizzare la mia incompatibilità anche in quel caso, e ci metto pure l'ambiente ostico che certo non ispirava un ascolto rilassato. E anche l'ampli usato, ovviamente, forse era solo tutto fumo e niente arrosto...

Ora vorrei essere chiaro: io non metto assolutamente in dubbio il tuo giudizio, e questo lo sai. Ho scritto il nome Spirit, ma avrei potuto nominare qualunque altro marchio, e ce ne sono tanti. Forse mi è venuto in mente perchè è quello che più facilmente si tira dietro un certo tipo di critica, come dici tu, con "il costo, sostenuto da concetti tecnici farlocchi". Tutto qui, non posso entrare nel merito della sua resa sonora, e comunque mi fa piacere che i miei amplificatori la facciano lavorare al meglio.

Edmond
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1368
Data d'iscrizione : 28.08.13

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 14:43
Ciao Alex, non potevo non intervenire, lo sai!!!  grande sorriso grande sorriso grande sorriso
Detto questo, delle Spirit mi interessa poco. Pagai la mia 330 euro e credo sia stato uno dei migliori affari della mia vita. Ma finisce qui. Sono d'accordo che al prezzo odierno non abbiano alcun senso. 

Ma non è questo il problema, come hai certamente ben compreso. La questione è nel non voler apprezzare qualcosa perché ciò che si legge è, anche oggettivamente, senza senso...
E questa questione è diffusissima in questo ambiente.

Punto, non dirò più nulla sulle Spirit. grande sorriso grande sorriso

Per il resto comprendo che ciascuno di noi ha i suoi dubbi personali e le scelte non si possono contestare...
2slow4u
2slow4u
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 202
Data d'iscrizione : 25.07.14
https://www.youtube.com/user/magrosi65, https://www.youtube.com/

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 15:32
@bandAlex ha scritto:La DT880 PRO ce le ha tutte. Con una cuffia così, non si dovrebbe sentire l'esigenza di avere qualcosa di meglio.
...
Sulla mia isola deserta porterei la DT880 PRO.


Con me sfondi una porta aperta, sono un grande fan di quella cuffia da 15 anni e la uso molto spesso.
In casa ho cuffie che qua e la vanno meglio della 880, ma nessuna di queste puo' vantare la stessa assenza di "difetti evidenti" e la stessa' versatilita'.
Continuo ad aspettare una degna erede ma dopo aver ascoltato T90 e DT1990 Pro, comincio a disperare.
La DT1990 Pro, l'ho anche avuta per qualche giorno-
Per certi versi una cuffia fantastica, tangibilmente superiore alla 880 in diversi parametri, ma purtroppo viziata da problemi timbrici piuttosto evidenti che la rendono inesorabilmente non sempre fruibile.
Una cuffia cosi' NON puo' "rimpiazzare" la DT880, al limite la puo' "affiancare".
.
Ad esempio, per restare in casa beyerdynamic, quella meraviglia della Amiron, più costosa e raffinata, è comunque meno universale di una DT880 PRO. Timbricamente è meno fedele, ma lo sgarro alla fedeltà è ripagato in altri modi.

Un quadretto simile a quello da me descritto sulla 1990...
2slow4u
2slow4u
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 202
Data d'iscrizione : 25.07.14
https://www.youtube.com/user/magrosi65, https://www.youtube.com/

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 15:38
Anche io ho avuto solo un contatto con Spirit, e anch'io l'ho avuto in fiera.
Sentiti due modelli di cui non ricordo affatto il nome.
Una era connessa a un DAP da 3000€, l'altra a un ampli a valvole che non ho riconosciuto.
Con entrambe ho avuto la sensazione che la cuffia fosse rotta.
L'unica cuffia che mi fece in passato un impressione simile, e' la malefica K701.
Lo so, non e' un gran complimento, ma "purtroppo" e' l'unico ricordo che mi hanno lasciato.
Biscottino
Biscottino
pesca
pesca
Messaggi : 888
Data d'iscrizione : 01.09.13
Località : Gragnano

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 16:16
@Edmond ha scritto:Ciao Alex, non potevo non intervenire, lo sai!!!  grande sorriso grande sorriso grande sorriso
Detto questo, delle Spirit mi interessa poco. Pagai la mia 330 euro e credo sia stato uno dei migliori affari della mia vita. Ma finisce qui. Sono d'accordo che al prezzo odierno non abbiano alcun senso. 

Ma non è questo il problema, come hai certamente ben compreso. La questione è nel non voler apprezzare qualcosa perché ciò che si legge è, anche oggettivamente, senza senso...
E questa questione è diffusissima in questo ambiente.

Punto, non dirò più nulla sulle Spirit. grande sorriso grande sorriso

Per il resto comprendo che ciascuno di noi ha i suoi dubbi personali e le scelte non si possono contestare...
Passare da 300 a 3000 è stato un attimo, non penso che sonicamente ci sia stato un incremento delle prestazioni 10x però fisch ...probabilmente la scatola penso costi più della cuffia, ormai!
Il mio unico dubbio, è che la produzione di Spirit non è mai definitiva, ormai gli upgrade non si contano più, ultimo in ordine di tempo, quello del cavo a cui Bocci si riferisce...con tutta la stima che potremmo conferire al personaggio, è il caso di mettere in discussione un cavo solo perché c’è lo dice il sig. Bocci?
Edmond
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1368
Data d'iscrizione : 28.08.13

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 16:29
Non provo alcuna stima per il sig. Bocci...  grande sorriso  grande sorriso
dankan73
dankan73
pesca
pesca
Messaggi : 961
Data d'iscrizione : 20.10.11

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 18:40
Gli ultimi due interventi solo qui si possono fare.... finalmente senza peli sulla lingua.
bandAlex
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 6497
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 19:16
@2slow4u ha scritto:Un quadretto simile a quello da me descritto sulla 1990...

La DT1990 l'ho presa insieme alla Amiron, e l'avrei tenuta ben volentieri, perchè sarebbe una cuffia eccezionale.

Purtroppo, quello che ho riscontrato è stato un difetto enorme in gamma medio-alta, un picco così fastidioso da rendermela inascoltabile. Peccato, è una delle cuffie più affascinanti per me, per via della sua estetica e per i materiali utilizzati. La Amiron invece è rimasta qui con me. cool
Dirty Harry
Dirty Harry
Fragola
Fragola
Messaggi : 1127
Data d'iscrizione : 16.06.11

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 21:56
Condivido la ricerca di prodotti possibili ed il loro miglior abbinamento e valorizzazione: è il modo migliore di scongiurare il virare dell'hi-fi verso il settore del lusso e, da sempre, è stato il mio obiettivo ed a ciò è stato dovuto il mio - presuntuoso - accostamento al DIY audio.
Ritengo che l'autocostruzione, come mezzo creativo, sia uno strumento potente per riportare alla giusta dimensione - quella di massa - di un settore dominato dal marketing più becero a servizio di topologie circuitali stantie che riproducono un suono - spesso costipato - caratterizzato da un'inutile precisione.
Spesso, questo mio modo di accostarmi all'hi-fi - con rispetto delle origini ma senza timori reverenziali verso un'evoluzione tecnica che è anche culturale - mi ha fatto guadagnare insulti ed offese - quello più comune è pezzente - da parte di psicolabili e psicopatici per i quali l'hi-fi è solo uno schermo e che si nascondono dietro affermazioni tipo "Spendi solo per il componente migliore!", "Che bisogno hai di fare più impianti, spendi solo per quello che costa di più perché suona meglio!" e così via. Sono le stesse persone - miserabili dentro - che inseguono per anni la spesa di una vita e finiscono per acquistare, con la bava alla bocca, il clone cinese, mal realizzato, di circuiti comunque mediocri all'origine.
Ben vengano, perciò, le Beyerdynamic DT880 Pro, alfieri di una classe media di contenuto tecnico consolidato ed evoluzione ragionata di un progetto meditato ma attenzione a non cadere nel rischio opposto, quello di glorificare ciò che vuole essere... normale. E non è più sufficiente riprodurre fedelmente un programma musicale per avere assicurato lo status di fuoriclasse: la DT880 Pro propone una personalità sonora abbastanza stabile con ogni genere ed abbastanza indipendente dal contesto in cui viene inserita che la rende inconfondibile e, pertanto, non è versatile, nel senso vero e proprio del termine. E, d'altronde, questo è il motivo del suo successo!
L'Amiron ritengo che vada oltre, ma è più sensibile al contesto in cui viene inserita e non si limita a riprodurre fedelmente il programma musicale ma da la sensazione di essere dentro l'evento, seppur con determinate caratteristiche: è una cosa che la DT880 Pro non potrà mai dare (né è stata fatta per questo).
Se devo essere sincero, da questo punto di vista, anche la Shure SRH-940 va oltre la fedele riproduzione assicurata dalla DT880 Pro per una riproduzione decisamente più vibrante di un comunque encomiabile suono monitor; ecco, non so se avete capito, ma non vorrei che la fedele riproduzione fosse la coperta di Linus di chi non vuole andare oltre dei parametri che andavano bene per altri standard, diversi da quelli tecnologici attuali.
Insomma, non perdiamo riferimenti solidi ma facciamo che non costituiscano dei luoghi angusti in cui rintanarsi, quando le cose non vanno come ci aspettiamo...

--


"Un uomo dovrebbe conoscere i propri limiti..."
mariovalvola
mariovalvola
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 844
Data d'iscrizione : 09.07.14

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 16/2/2020, 22:26
Discorso complesso che condivido pur con qualche piccolo distinguo
Il possibile, non è un concetto universale. Il mio possibile non è quello di un giovane appassionato e inesperto. Preciso che non  è questione di reddito ma di opprtunità che, una volta, erano alla portata di tutti. Negli anni '70/80/90, molti componenti realmente assoluti li trovavi al prezzo del rottame o poco di più. 
Un carissimo amico ligure, ha tesaurizzato semiconduttori di inarrivabile qualità oggi non più disponibili. 
il componente assoluto non ha nulla da spartire con il lusso. 
Quali sono le topologie circuitali stantie che producono un suono costipato?  blink grande sorriso
il DIY è davvero uno strumento potente ma non è un generatore di pari opportunità a prescindere. Anzi, ho l'impressione che, ex-ante i "talenti" siano distribuiti in modo sadicamente diseguale.
E' vero, comunque che si debba contrastare l'estremizzazione del mercato irrobustendo la fascia di mezzo sempre più esile. Prodotti sensati, concreti, seri, longevi, che valgono quello che costano.
UpTo11
UpTo11
mela
mela
Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 14.02.18
Località : Poco a Nord della Romagna, a un passo dall'Emilia

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 17/2/2020, 10:47
@bandAlex ha scritto:
@2slow4u ha scritto:Un quadretto simile a quello da me descritto sulla 1990...
La DT1990 l'ho presa insieme alla Amiron, e l'avrei tenuta ben volentieri, perchè sarebbe una cuffia eccezionale.

Purtroppo, quello che ho riscontrato è stato un difetto enorme in gamma medio-alta, un picco così fastidioso da rendermela inascoltabile. Peccato, è una delle cuffie più affascinanti per me, per via della sua estetica e per i materiali utilizzati. La Amiron invece è rimasta qui con me. cool

E non era addomesticabile in alcun modo quel picco?
A volte leggo che anche un semplice strato di carta igienica ( blink ) davanti al driver aiuta. Sarà vero?
bandAlex
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 6497
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 17/2/2020, 10:50
@UpTo11 ha scritto:E non era addomesticabile in alcun modo quel picco? A volte leggo che anche un semplice strato di carta igienica ( blink ) davanti al driver aiuta. Sarà vero?

E' possibile che, a parte la carta igienica, un qualsiasi strato di tessuto poteva mitigare il picco. Ma non mi sono posto la questione, ho preferito rimandare indietro la cuffia. Una cosa del genere in una cuffia da quasi 500 euro è inconcepibile.
2slow4u
2slow4u
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 202
Data d'iscrizione : 25.07.14
https://www.youtube.com/user/magrosi65, https://www.youtube.com/

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 17/2/2020, 14:14
@bandAlex ha scritto:
E' possibile che, a parte la carta igienica, un qualsiasi strato di tessuto poteva mitigare il picco. Ma non mi sono posto la questione, ho preferito rimandare indietro la cuffia. Una cosa del genere in una cuffia da quasi 500 euro è inconcepibile.

Ma la Amiron e' cosi' diversa in tal senso? Sulla carta, sembra avere problemi molto simili alla DT1990 in alto, infatti molta gente trova anche la Amiron un po' troppo "affilata"...
Edmond
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1368
Data d'iscrizione : 28.08.13

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 17/2/2020, 14:46
Dipende da quale amplificatori utilizzi. Con l'AF-N è perfetta anche per me, che sono particolarmente sensibile a quella gamma di frequenze...
2slow4u
2slow4u
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 202
Data d'iscrizione : 25.07.14
https://www.youtube.com/user/magrosi65, https://www.youtube.com/

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 17/2/2020, 15:19
Non so come un amplificatore, possa nascondere gli effetti di un picco di circa 10 (dieci!) dB a 8kHz...

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
bandAlex
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 6497
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 17/2/2020, 15:31
Infatti l'AF-N non nasconde nulla. grande sorriso

Bisogna sempre prendere con le pinze la risposta in frequenza rilevata sulle cuffie dai 3 kHz in su. Spesso l'andamento non coincide con quello che si sente. Ed è questo il caso della Amiron.

Al confronto, la DT1990 ha una risposta molto simile:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Eppure le due cuffie non sono neanche paragonabili, confrontate una con l'altra nello stesso identico momento, con lo stesso impianto e con gli stessi brani, la DT1990 in certe situazioni era inascoltabile.
UpTo11
UpTo11
mela
mela
Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 14.02.18
Località : Poco a Nord della Romagna, a un passo dall'Emilia

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 17/2/2020, 15:33
@bandAlex ha scritto:
@UpTo11 ha scritto:E non era addomesticabile in alcun modo quel picco? A volte leggo che anche un semplice strato di carta igienica ( blink ) davanti al driver aiuta. Sarà vero?

E' possibile che, a parte la carta igienica, un qualsiasi strato di tessuto poteva mitigare il picco. Ma non mi sono posto la questione, ho preferito rimandare indietro la cuffia. Una cosa del genere in una cuffia da quasi 500 euro è inconcepibile.

Perché inconcepibile?
Secondo me va fatta una distintinzione tra eventuali limiti/errori di progettazione (es. risonanze mal gestite) e la "firma sonora" della cuffia o del marchio.
Alla fin fine e a prescindere dal prezzo, il tuning che fa il produttore con feltrini, aggiunta di massa al driver, materiali assorbenti vari, porte, ecc... non è la stessa cosa? Nel caso specifico delle Beyerdynamic quel picco è praticamente una firma, quindi magari è così che i progettisti l'hanno pensata. Ma se a me non sta bene e posso modificarla a mio piacimento e così facilmente che problema c'è?
2slow4u
2slow4u
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 202
Data d'iscrizione : 25.07.14
https://www.youtube.com/user/magrosi65, https://www.youtube.com/

Perle audiofile - Pagina 10 Empty Re: Perle audiofile

il 17/2/2020, 15:44
@bandAlex ha scritto:
Bisogna sempre prendere con le pinze la risposta in frequenza rilevata sulle cuffie dai 3 kHz in su.

Ci sta...
Ma parliamo di cuffie che condividono lo stesso driver, e che sono state misurate sullo stesso setup, con risultati, nella gamma che ci interessa, piuttosto simili.
Forse la gobba in gamma mediobassa che caratterizza la Amiron, psicoacusticamente rende piu' digeribili certe sboronate in gamma alta?
In effetti io la 1990 l'ho ascoltata solo coi pads analitici, che rendono la cuffia molto piu' flat dalla gamma media in giu', rispetto alla Amiron, molto piu' simile alla 880.


Eppure le due cuffie non sono neanche paragonabili, confrontate una con l'altra nello stesso identico momento, con lo stesso impianto e con gli stessi brani, la DT1990 in certe situazioni era inascoltabile.

Peccato che la Amiron non abbia la stessa granitica gamma bassa della 1990, era uno degli aspetti che piu' mi affascinava in quella cuffia... cry


Ultima modifica di 2slow4u il 17/2/2020, 15:51, modificato 1 volta
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum