Condividi
Andare in basso
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Il gazebo e i BILANCIATI

il 10/11/2018, 20:06
Sul gazebo audiofilo potete trovare una discussione interessante che riguarda il "bilanciato",  questa qui.

L'argomento, benchè già ampiamente discusso, nell'ambito di quel thread torna ad essere interessante in quanto si evidenzia in tutta la sua maestosità la confusione che ancora regna sovrana a riguardo.

Dal momento che io non posso intervenire in quel thread in quanto, come conseguenza di un mio atto di lesa maestà nei confronti di un moderatore di quel forum (phaeton), sono stato bannato (probabilmente a vita, bisogna vedere di chi), cercherò di allontanare la nebbia che avvolge la questione, in modo che anche quelli del gazebo vedano come stanno realmente le cose.

E' inutile ora che corriate sul gazebo a cercare gli schizzi di sangue: hanno ripulito tutto. Come fanno i migliori malviventi nei telefilm americani, che dopo il delitto cancellano le tracce del misfatto, i moderatori si sono affrettati a cancellare il mio post e quelli seguenti. Un po' come faceva la STASI nella Germania dell'Est, che faceva sparire i dissidenti (che spesso erano apprezzati uomini di cultura), con l'attenzione dovuta affinchè nessuno se ne accorgesse.

Anche io, qui sul Giardino, ho bannato delle persone. Ma, quando è successo, l'ho scritto chiaramente nella discussione, e ho persino scritto i motivi per cui lo facevo. Perchè in un forum ci sono delle regole che devono seguire tutti, anche i moderatori, e anche il ban ha le sue regole precise. Però si capisce che in un Paese dove le regole e le leggi sono maltrattate persino da chi dovrebbe difenderle, figuriamoci se nel piccolo di un forum non si trova modo e maniera di scatenare le proprie tendenze autoritarie qualora se ne ravveda la necessità.

E quindi prego chiunque stia leggendo, che ancora ha la gentil concessione di scrivere da quelle parti, di fare un atto di pietà, e gettare in pasto il link di questo thread. Magari così si ravvedono (sul bilanciato). Difficile, ma non si sa mai.

Se pensate che la maggior parte dei pezzi da novanta che lì scrivono possiede un ampli bilanciato, si spiega abbastanza facilmente la propaganda fuorviante e illusoria che è in corso. Ma andiamo con ordine.

Tempo fa, esattamente sul numero di Suono di settembre 2013, scrissi un articolo che si intitolava "Non chiamatelo bilanciato".



Tra l'altro, la citazione di questo articolo è stato il motivo di un altro ban sul gazebo (il giorno dopo), quello contro l'amico e giardiniere @scarecrow. Fa un certo effetto vedere in azione questi meccanismi psicologici (o meglio, psichiatrici): dal momento che io sono diventato radioattivo, chiunque mi nomini diventa radioattivo a sua volta.  grande sorriso

Per cui siete avvisati, attenzione a non mostrare troppa simpatia per il sottoscritto se volete continuare ad esistere da quelle parti con il vostro nick.

Il titolo dell'articolo faceva riferimento al grosso equivoco che è nato il giorno stesso che a qualcuno è venuta in mente la geniale idea di pilotare una cuffia "in bilanciato". Ovvero che di bilanciato, in un collegamento per cuffia, non c'è assolutamente nulla. In elettronica infatti il concetto di bilanciamento ha una valenza ben precisa, non è che puoi citarlo quando ti pare solo per un'impressione sbagliata. Fatto sta che tale termine si è impiantato nel gergo cuffiofilo, e difficilmente ora se ne andrà via. Ringraziate chi in tutti questi anni ci si è riempito la bocca, col "bilanciato".

Ma c'è un altro equivoco che affligge costantemente chi parla di cuffie "bilanciate": più che di un equivoco si tratta di una vera e propria confusione tra due collegamenti del tutto diversi, quello all'ingresso dell'amplificatore (che effettivamente può essere bilanciato) e quello tra l'amplificatore e la cuffia. Ed è esattamente quello che sta accadendo in quel thread che vi ho linkato sopra.

Notate che l'autore del thread ha messo il titolo Collegamento cuffie in bilanciato: utile o...

Il titolo sembra riferirsi al collegamento ampli-cuffia, ma la confusione inizia già dal primo post, quando l'autore scrive che il suo dac ha l'uscita bilanciata (che c'entra con la cuffia?) e che questo gli fa nascere il dubbio se non sia meglio avere un amplificatore con uscita bilanciata.

E la confusione prosegue per tutto il thread, a partire da phaeton che mette in mezzo gli studi di registrazione o ambienti con molta interferenza EM. Si starà riferendo al collegamento di ingresso o a quello con la cuffia?

Potrebbe essere una svista, del tutto giustificabile vista la gran confusione fatta dall'autore del thread, se non fosse che tale affermazione è ribadita con più decisione in un post successivo dove scrive, sotto gli schemi di collegamento di un altoparlante in bilanciato e in single-ended: i vantaggi del bilanciato sono principalmente come detto soprattutto nella connessione in ambienti "rumorosi". Anche qui, si riferirà al collegamento di ingresso, o a quello con la cuffia? Certo, il fatto che la frase sia scritta sotto quegli schemi non lascia ben sperare...

Per essere chiari, bisogna distinguere NETTAMENTE i due collegamenti:

1) SORGENTE -> AMPLIFICATORE;

2) AMPLIFICATORE -> CUFFIA

I due collegamenti infatti hanno caratteristiche ed esigenze completamente diverse. La confusione tra i due è del tutto ingiustificabile, perchè un amplificatore può essere privo di ingressi bilanciati XLR, e purtuttavia avere internamente 4 amplificatori per il collegamento con la cuffia a ponte (ovvero in "bilanciato").

L'unica motivazione per usare gli INGRESSI bilanciati è quella di ridurre le interferenze e i disturbi radioelettrici che possono inficiare un collegamento lungo tra sorgente e ampli.

L'unica motivazione per usare l'USCITA "bilanciata" dell'amplificatore verso la cuffia, è quella di aumentare la potenza erogabile sulla cuffia.

E' chiaro che le motivazioni sono ben diverse. A nulla servirebbe collegare la cuffia in bilanciato se il nostro problema sono disturbi e interferenze, e ciò per motivi tecnici ben precisi. E infatti nessuna cuffia viene mai fornita di cavetto schermato di collegamento (anche se in passato per via di qualche costruttore si è assistito pure a questa follia).

In un thread che ha già raggiunto le due pagine, dove si assiste al cazzeggio tra due moderatori che si scambiano battute che capiscono solo loro, al ban di un forumer senza alcun motivo (in realtà reo di aver citato un articolo dove si parla dell'inutilità delle cuffie "bilanciate"), e al link illuminante del forumer Pietro, dove si spiega perchè collegare le cuffie in "bilanciato" è sbagliato, e prontamente neutralizzato dalle cazzate di phaeton, non si scorge il benchè minimo chiarimento richiesto dall'autore del thread, che deve accontentarsi dei soliti consigli campati per aria.

Non è un bella fotografia quella che si scorge da quel thread. L'idea è quella di un forum malconcio, dove regnano sovrani la sciatteria e il cazzeggio, e dove gli utenti rimangono spettatori di atti bulleschi e battutine da bar sport.

Che tristezza.
avatar
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1095
Data d'iscrizione : 28.08.13

Re: Il gazebo e i BILANCIATI

il 10/11/2018, 21:41
Ciao boss premetto (ma tu già sai) che possiedo sua ampli con connessione di linea sbilanciata che bilanciata. E ne possiedo parecchi con connettori lati cuffia XLR. Fin dal 2003, quando mi pareva si parlasse più seriamente, si chiamava tale tipo di connessione a masse separate. Non ho letto il tuo articolo ma le mie vecchie orecchie mi dicono senza dubbio che alcune cuffie suonano meglio con collegamento a masse separate (tipicamente le vecchie Sennheiser) mentre altresono indifferenti... poi di cose inesatte se ne scrivono parecchie...
avatar
Dirty Harry
pesca
pesca
Messaggi : 886
Data d'iscrizione : 16.06.11

Re: Il gazebo e i BILANCIATI

il 11/11/2018, 08:30
@bandAlex ha scritto:Per cui siete avvisati, attenzione a non mostrare troppa simpatia per il sottoscritto se volete continuare ad esistere da quelle parti con il vostro nick. 

Tranquillo... non ho nessuna intenzione di andare in giro a perder tempo tra ignoranti e bulletti da tastiera... sick

--


"Un uomo dovrebbe conoscere i propri limiti..."
avatar
Dirty Harry
pesca
pesca
Messaggi : 886
Data d'iscrizione : 16.06.11

Re: Il gazebo e i BILANCIATI

il 11/11/2018, 08:38
@scarecrow ha scritto:Hai ragione, l'autore dell'articolo non capisce niente e coloro i quali gli hanno concesso spazio per pubblicarlo sono una banda di fessi.

Un commento che brilla, nel link citato... laugh
Nulla di confrontabile con la definizione di moderatore suonologo... wow

--


"Un uomo dovrebbe conoscere i propri limiti..."
avatar
Dirty Harry
pesca
pesca
Messaggi : 886
Data d'iscrizione : 16.06.11

Re: Il gazebo e i BILANCIATI

il 11/11/2018, 09:00
Ma perché perdi tempo con queste bestie Ale...  sly

--


"Un uomo dovrebbe conoscere i propri limiti..."
avatar
password
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 1284
Data d'iscrizione : 03.12.11
Località : Roma

Re: Il gazebo e i BILANCIATI

il 11/11/2018, 09:08
La cosa più indecente comunque è che si venga bannati nel silenzio più totale da parte degli amministratori e nella omertà complice dei molteplici moderatori.
avatar
best5656
pesca
pesca
Messaggi : 575
Data d'iscrizione : 01.04.15

Re: Il gazebo e i BILANCIATI

il 11/11/2018, 10:03
E' ormai Storico e Ripetitivo il modo di Approcciare e Comandare in quel Forum, da parte di quella che Io definisco, una "Setta di Mezze Seghe", e che in pochi anni, hanno letteralmente "Distrutto" il valore informativo e divulgativo del Mondo Cuffie ed HI-FI, di quel Sito qui in Italia, dove solo 2 o 3 Lustri fa, Persone Serie e Preparate, avevano fatto avvicinare molti altri Appassionati, a parlare e a scambiarsi in maniera Amichevole e in Amicizia, le proprie passioni ed esperienze sul loro Hobby. Oggi invece, rimangono solo 4 Moderatori, eletti dal Gran Maestro, che si Lodano e si Sbrodolano da soli...Che Tristezza!!!
avatar
bandAlex
Golden Ears
Golden Ears
Messaggi : 5768
Data d'iscrizione : 29.04.11
Località : Roma

Re: Il gazebo e i BILANCIATI

il 11/11/2018, 10:51
@Edmond ha scritto:Ciao boss  premetto (ma tu già sai) che possiedo sua ampli con connessione di linea sbilanciata che bilanciata. E ne possiedo parecchi con connettori lati cuffia XLR. Fin dal 2003, quando mi pareva si parlasse più seriamente, si chiamava tale tipo di connessione a masse separate. Non ho letto il tuo articolo ma le mie vecchie orecchie mi dicono senza dubbio che alcune cuffie suonano meglio con collegamento a masse separate (tipicamente le vecchie Sennheiser) mentre altresono indifferenti... poi di cose inesatte se ne scrivono parecchie...

Sì, l'AF-6 ha l'uscita pre-out sia RCA che XLR. L'uscita pre-out è uno di quei casi in cui una connessione bilanciata può tornare utile, in quanto il finale può essere anche molto distante dal preamplificatore, e questo collegamento è più immune ai disturbi.

E' vero, si parlava di masse separate in quegli anni. Il punto debole di un impianto cuffia è stato sempre il connettore jack. In un amplificatore per cuffia anche se i canali sono completamente separati, ciascuno con il suo stadio di alimentazione,  e ciascuno con la sua linea di massa, succede che inevitabilmente le due masse si uniscono sull'unico terminale di massa del connettore jack, e ciò comporta tutta una serie di complicazioni. Negli ampli per diffusori, ad esempio, questa complicazione non esiste in quanto i morsetti di uscita sono del tutto separati, anche a livello di massa, per i due canali.

In particolare, l'unione delle masse comporta due problemi. Il primo è che le masse si uniscono pure a livello degli ingressi: alla fine, se si tratta di RCA, le due masse si uniranno pure alla sorgente, e ciò comporta il rischio di un enorme loop di massa tra sorgente e ampli. Tale rischio si corre se, per motivi tecnici (per avere internamente gli ampli completamente separati) o scenici, si raddoppia l'alimentazione dell'amplificatore. Per questo motivo in tutti i miei ampli l'alimentazione è unica per entrambi i canali.

Il secondo problema può generarsi sul cavo di collegamento della cuffia. Se il cavo utilizza un filo unico di massa per entrambi i trasduttori succede che la resistenza di quel tratto di filo, che ovviamente non è zero, fa sì che si generi una tensione di disturbo che corrisponde alla differenza tra i due canali. Tale tensione si sovrappone al segnale audio, ed è tanto più grande quanto più è sottile e resistivo il cavetto. In sostanza, l'effetto è quello di diminuire la separazione stereo e di peggiorare la localizzazione e la spazialità dell'immagine sonora.

Quest'ultimo problema però oggi è quasi sempre scongiurato, perchè quasi tutti i costruttori di cuffie utilizzano cavetti con quattro fili, ovvero con masse separate per i due canali. Quindi, a meno che non sia il connettore a introdurre una resistenza eccessiva sul contatto di massa, l'influenza dell'unione delle masse è praticamente nulla.

Quindi da un punto di vista tecnico la separazione delle masse sull'uscita cuffia è certamente un vantaggio. Però in caso contrario, se l'ampli è ben progettato, raramente ciò diventa un problema.

Avere le  masse separate però non vuol dire necessariamente avere un ampli con uscite cuffia "bilanciate". Ed è questo il nocciolo della questione. Innanzitutto, proprio sul termine utilizzato: che ha generato (e genera) un sacco di confusione. C'è stato un momento in cui la convinzione che le cuffie lavorassero meglio "in bilanciato" era così radicata che un costruttore del calibro di beyerdynamic per strizzare l'occhio ai cuffiofili usò per la T1 un cavetto con un terminale di massa apposito collegato alla carcassa metallica del trasduttore. Non so se la cosa succede ancora con le versioni successive della T1.

L'ipotesi più fantasiosa fu quella che il trasduttore doveva "lavorare in push-pull", e per questo un collegamento "bilanciato" era migliore di quello normale. Inutile dire che tale ipotesi era del tutto campata per aria. Però tenne banco per un sacco di tempo, e forse c'è ancora qualcuno che ci crede.

A differenza di un semplice connettore a masse separate, un uscita cuffia "bilanciata" fa sparire in pratica il terminale di massa. Succede che il singolo trasduttore della cuffia non è collegato tra l'uscita di un canale e la massa, ma tra due amplificatori che amplificano lo stesso segnale, in controfase tra loro. Quindi sono necessari quattro amplificatori, due per canale.

Tale tipo di configurazione si chiama "bridge", o "ponte".

Dal punto di vista tecnico, non cambia nulla. La cuffia vede un'unica corrente che circola nella bobina, e se ne sbatte del fatto che tale corrente sia provocata da due tensioni in opposizione di fase, piuttosto che da un'unica tensione riferita a massa. Anche perchè, se così non fosse, sarebbero infrante diverse leggi dell'elettricità, una delle quali è la legge di Kirchoff. L'unica cosa che cambia, dal punto di vista della cuffia, è l'impedenza di uscita dell'amplificatore: dal momento che abbiamo due amplificatori che sono in serie, la cuffia vede un'impedenza doppia. Questo può essere ritenuto trascurabile, fino a che l'impedenza del singolo ampli è sufficientemente vicina allo zero. Vedremo però che questo può non essere sufficiente.

Dal punto di vista dell'amplificatore invece le cose cambiano un pochino. E vanno peggio. Ciascun amplificatore del ponte vede un carico che ha un'impedenza che è la metà di quella della cuffia. Quindi se la cuffia è da 50 ohm, ciascun ampli vede un carico da 25 ohm. Le cose peggiorano perchè più è bassa l'impedenza del carico e più aumenta la distorsione. Ciò è conseguenza del fatto che la richiesta di corrente raddoppia.

C'è un vantaggio però: almeno teoricamente, la potenza massima dell'ampli quadruplica. Ammesso che lo stadio di alimentazione sia adeguatamente dimensionato, si intende.

Poi c'è il mito del "completamente bilanciato, dall'inizio alla fine". Come al solito, si parte da un concetto sano e sacrosanto, e si finisce in barzelletta.

Una catena interamente bilanciata fino a qualche tempo fa era impensabile. Primo, perchè non c'erano sorgenti bilanciate (non a livello casalingo, almeno). Secondo, perchè non era nemmeno considerata un vantaggio. Avere una catena bilanciata significa raddoppiare tutta la componentistica, a partire dalla sorgente (che di solito è un dac con uscite XLR) e per finire con l'ampli con ingressi XLR che internamente ha 4 amplificatori invece di due.

Non è chiaro perchè una catena interamente bilanciata debba suonare meglio. Non c'è alcun motivo tecnico per cui ciò dovrebbe essere vero. Anzi, ci sono un sacco di motivi che fanno pensare il contrario.

Partiamo dal dac, il cui cuore è il chip dac. I migliori hanno uscite bilanciate, ovvero due linee per canale in opposizione di fase. Il motivo per cui nei chip dac più pregiati sono utilizzate linee bilanciate, è per migliorare il rapporto S/N. Dal momento che all'interno di un dac sono presenti segnali digitali ad alta frequenza, le linee bilanciate permettono di annullare almeno parzialmente eventuali interferenze. Ma tale vantaggio si ottiene solo nel momento in cui le due linee vengono unite per ottenere un segnale sbilanciato In una catena "completamente bilanciata", questo non avviene mai. O meglio, avviene dove le due fasi finalmente si sommano, ovvero ai capi della cuffia. Ma questo rende del tutto inefficace la riduzione dei disturbi!

Per ottenere una riduzione efficace dei disturbi, è importante che le due fasi siano sommate con la dovuta precisione. E' sufficiente un piccolo sbilanciamento (ad esempio nelle impedenze di ingresso nell'ampli tra le due fasi) per vanificare l'unico motivo per cui si utilizza un collegamento bilanciato. Ciò vuol dire che, dal punto di vista dell'immunità ai disturbi, è molto meglio un ampli che internamente lavori in sbilanciato piuttosto che in bilanciato.

Quindi nei dac ha senso avere le uscite bilanciate, per permettere un collegamento più lungo con gli altri apparecchi (e ci sarebbe comunque da discutere perchè quasi nessuno in ambito domestico tiene il dac a decine di metri di distanza dal resto dell'impianto). Ma negli amplificatori con ingresso XLR, l'unica cosa che NON ha senso è proprio quella di usare internamente 4 amplificatori per mantenere il percorso del segnale interamente bilanciato. Se le due fasi non si sommano subito all'ingresso, il collegamento bilanciato non serve a un cavolo.

E infatti in ambito professionale gli ingressi bilanciati degli amplificatori di linea sono a trasformatore: non c'è nulla di meglio per neutralizzare i disturbi, con il vantaggio aggiuntivo di isolare galvanicamente le masse degli apparecchi, e da lì in poi proseguire rigorosamente in sbilanciato.

Quindi tutti quei cuffiofili che con orgoglio parlano delle loro catene "interamente bilanciate" non sanno che in realtà sono vittime di un non-sense radicato (a quanto pare) solo tra i cuffiofili. Infatti:

- un ampli "bilanciato" raddoppia gli amplificatori e quindi la componentistica;
- un ampli "bilanciato" ha tecnicamente i motivi per suonare peggio;
- un ampli "bilanciato" non unisce le due fasi all'ingresso e quindi neutralizza l'immunità ai disturbi;
- un ampli "bilanciato" complica i percorsi di massa con potenziali problemi di hum e ronzio.
avatar
Dirty Harry
pesca
pesca
Messaggi : 886
Data d'iscrizione : 16.06.11

Re: Il gazebo e i BILANCIATI

il 11/11/2018, 10:53
@best5656 ha scritto:E' ormai Storico e Ripetitivo il modo di Approcciare e Comandare in quel Forum, da parte di quella che Io definisco, una "Setta di Mezze Seghe", e che in pochi anni, hanno letteralmente "Distrutto" il valore informativo e divulgativo del Mondo Cuffie ed HI-FI, di quel Sito qui in Italia, dove solo 2 o 3 Lustri fa, Persone Serie e Preparate, avevano fatto avvicinare molti altri Appassionati, a parlare e a scambiarsi in maniera Amichevole e in Amicizia, le proprie passioni ed esperienze sul loro Hobby. Oggi invece, rimangono solo 4 Moderatori, eletti dal Gran Maestro, che si Lodano e si Sbrodolano da soli...Che Tristezza!!!
Inorridisco al solo pensiero di chi possa essere il Gran Maestro in quella pletora di minus habenses...
Meglio lasciar morire nell'indifferenza tali luoghi... io l'ho fatto, ormai, da quasi un decennio...

--


"Un uomo dovrebbe conoscere i propri limiti..."
avatar
Edmond
Fragola
Fragola
Messaggi : 1095
Data d'iscrizione : 28.08.13

Re: Il gazebo e i BILANCIATI

il 11/11/2018, 13:36
Che dire Alex? E' sempre un piacere leggerti... special cool
avatar
ivanouk
nespola
nespola
Messaggi : 209
Data d'iscrizione : 12.10.15

Re: Il gazebo e i BILANCIATI

il 11/11/2018, 19:25
Grazie! Ottimo thread  flower


..spiace che anche tu sia rimasto vittima del 'Guretto che sta' sempre sull'Orlo di una Crisi di Nervi', ma abbastanza prevedibile.... bye
Contenuto sponsorizzato

Re: Il gazebo e i BILANCIATI

Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum